Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi

Corso P27 – AUTO-MANUTENZIONE

formazione operations corso di automanutenzione

COMPRENDERE I CONCETTI “CHIAVE” ALLA BASE DELLA MANUTENZIONE AUTONOMA, SUE PECULIARITÀ E I CRITERI PER OTTENERE RISULTATI IN STABILIMENTO

Il corso si pone come obiettivo quello di far comprendere i concetti “chiave” del TPM e le attività tipiche della Manutenzione Autonoma (AM) e i fattori “di successo” per sostenere i risultati in Reparto. E’ importante ridurre le perdite d’efficienza globale con la prevenzione del deterioramento degli impianti, il ripristino rapido e autonomo di condizioni standard per diversi livelli di complessità esecutiva.
E’ fondamentale definire le migliori regole di ingaggio per la sostituzione di ricambi e per piccole riparazioni.
Supportare la rilevazione di condizioni anomale con verifiche periodiche del funzionamento delle macchine e/o interpretazione dei suoi “segnali deboli”.


A CHI È RIVOLTO

  • Responsabili vendite
  • Direzione di Stabilimento
  • Assistenti alla Direzione di Stabilimento
  • Responsabili di Manutenzione
  • Responsabili di Produzione
  • Industrial Engineer
  • Safety Managers

APPRENDERETE A…

  • Quali attività TPM possono essere svolte da operatori di impianto per manutenere i propri impianti e apparecchiature indipendentemente dalla Manutenzione di Stabilimento
  • Come implementare le attività di Auto-Manutenzione, passo dopo passo, con deleghe strutturate per alcuni interventi ispettivi di primo livello
  • Comprendere come misurare, comunicare e verificare la risoluzione di attività in Auto-Manutenzione

ESERCITAZIONI, PROGETTI E CASE STUDIES

  • Applicazione inerenti il calcolo di OEE
  • Esempi dei tools più tipici utilizzati in progetti di Auto-Manutenzione

I PLUS

  • Il corso ha un approccio estremamente pratico e concreto: verrà dato ampio spazio alla discussione di casi reali e di problematiche dei partecipanti
  • Gli strumenti analitici presentati sono di applicabilità immediata

PROGRAMMA

Origine del TPM / Integrazione con altre logiche manutentive e di improvement

  • TPM, ovvero il “pilastro” Zero Fermate del TPS (Toyota Production System)
  • TPM e altre logiche di Manutenzione con cui interagire e integrarsi
  • Uso di KPI per linee e impianti (OEE, Up Time, Efficienza)
  • Scelta del reparto / macchina / linea “pilota” e figure “chiave” da coinvolgere

Cenno alle tecniche più tipiche del TPM

  • 5S: Evitare blocchi e inceppamenti con l’adozione di più semplici standard operativi
  • SMED: Ridurre i tempi di avvio / bonifica/ set‐up per una maggiore flessibilità operativa
  • FMEA: Come eliminare riparazioni, extra‐controlli, recidive con l’analisi dei guasti
  • JIDOKA: Evitare blocchi o danni al prodotto con semplici soluzioni tecniche (Poka‐Yoke)

Focus su Auto-Manutenzione (AM) e sua implementazione

  • Che cosa è AM / Cosa non è AM
  • AM secondo il JIPM (Level 1/2/3/4)
  • Il deterioramento “naturale” e “forzato” di un macchinario da manutenere
  • AM come cambiamento di cultura in Stabilimento
  • Sostegno ai progetti AM con il coinvolgimento del Management e gestione dei carichi

Strumenti tipici della Autonomous Maintenance

  • Activity Board / Tableau de Bord (TDB) e suo uso. Esempi
  • One‐Point Lesson (OPL). Tipi ed esempi

Sette passi per l’applicazione della AM in Stabilimento

  • Step 1 ‐ Fase iniziale: “Clean & Inspect” (le 5S con “Red Tags” e loro gestione)
  • Step 2 ‐ Eliminazione dei problemi (fonti e aree inaccessibili)
  • Step 3 ‐ Creazione di standard (di pulizia / lubrificazione / controllo livelli / serraggi / …
  • Step 4 ‐ Esecuzione di ispezioni “generali”
  • Step 5 ‐ Esecuzione di ispezioni “autonome”
  • Step 6 ‐ Standardizzare con la “gestione a vista”
  • Step 7 ‐ Avvio della gestione manutentiva “in autonomia” dell’impianto

Misurazione e verifica delle attività AM

  • Quali utilizzare? Possibili misure
  • Perché auditare / auto‐valutarsi
  • Esempi di audit di aree in Auto-Manutenzione
Formazione Finanziata

È possibile accedere ai finanziamenti sia per le partecipazioni a Corsi a Catalogo (tramite Voucher) sia per i Corsi erogati in Azienda (tramite Conto Formazione). Il finanziamento è valido sia per corsi erogati in modalità Presenziale che Virtual Classroom. Per approfondire le opportunità e modalità di finanziamento vai alla pagina

Formazione Finanziata

Chi partecipa ai nostri corsi a catalogo, ha la possibilità di poter aderire alla nostra iniziativa “Learn in Action: Formazione – Azione – Risultati” richiedendo una giornata di Follow Up che ha come principali obiettivi:

  • verificare l'avanzamento delle azioni di miglioramento definite a fine corso nel Piano d'Azione Personale
  • supportare nell' implementazione delle azioni per raggiungere gli obiettivi prefissati
  • approfondire tematiche trattate durante le giornate di formazione
  • trasferire il Know How acquisito durante il corso a persone dello stesso team del partecipante

L’ iniziativa “Learn in Action: Formazione – Azione – Risultati” prevede una tariffa a condizioni agevolate.

Per maggiori informazioni potete chiamare il numero 02.21118134 o scrivere a carlo.strano@valeoin.com

Quota multipla

Quota singola

Realizza questo corso in azienda

Richiedi preventivo

Formazione personalizzata

Sei interessato all'argomento? Progettiamo un training personalizzato nella tua azienda.

Contattaci
Date Edizioni
17 Apr 2024 Iscriviti
30 Set 2024 Iscriviti
Iscritti: 0 studenti
Durata: 1 giorno